Chiesa Madre di Sant’Antonio Abate a Francofonte

  • Religiosi

Uno dei monumenti più caratteristici di Francofonte, in provincia di Siracusa, è certamente la basilica di Sant'Antonio Abate, anche conosciuta con il nome di Chiesa Madre. La struttura ha una storia particolare che si intreccia strettamente con quella del borgo: ecco tutto quello che c'è da sapere per organizzare una visita alla Chiesa Madre a Francofonte e approfittarne per scoprire anche le altre suggestive attrazioni del territorio.

Storia della basilica di Sant'Antonio Abate

Il borgo di Francofonte è stato fondato nel 1360 ma la basilica di Sant’Antonio Abate probabilmente era preesistente alla fondazione del paese. Secondo recenti studi, potrebbe aver visto la nascita fra il XII e il XIII secolo, almeno per quanto riguarda il nucleo originario dell'abazia che poi è stata implementata nel corso dei secoli. Nel 1542 la chiesa subisce una prima scossa di terremoto che la danneggia, anche se non in modo irreversibile.

L'occasione di un piccolo restauro, però, viene sfruttata soprattutto per abbellire i suoi interni con opere pittoriche e altri tipi di decorazioni. Con il terribile terremoto del gennaio del 1693, però, la Chiesa Madre di Sant'Antonio Abate subisce degli importanti danni ma il parroco dell'epoca decide che la nuova chiesa deve sorgere esattamente nello stesso posto della precedente, inglobando anche le parti di essa che sono ancora in piedi.

I lavori di ristrutturazione terminano nel 1699 mentre il campanile viene ultimato solo nel 1717. Durante la Seconda Guerra Mondiale proprio il campanile fu sfruttato dai tedeschi come base per l'artiglieria e solo per un caso fortuito non fu abbattuto dalla contraerea statunitense.

L'architettura ed eventuali opere d'arte presenti nella Chiesa Madre di Sant'Antonio Abate

La Chiesa Madre di Sant'Antonio Abate ha una planimetria a croce latina e si presenta nella sua facciata con uno stile romanico molto essenziale. Unica concessione allo stile barocco è data dalle decorazioni dei tre portali, ognuno dei quali è dotato di finestra che ospita un dipinto.
Il portone di ingresso, invece, è realizzato in legno e ha un piccolo bassorilievo che raffigura Sant'Antonio. Al suo interno, invece, la chiesa è suddivisa in tre navate, suddivise da una doppia fila di colonne che terminano con capitelli in stile corinzio. Lungo le due navate laterali si aprono numerose cappelle che contengono opere d'arte di vario tipo, come un fonte battesimale in marmo realizzato nel Settecento oppure alcuni altari secondari che risalgono al XVIII e al XIX secolo.

Cosa è possibile fare nei dintorni della Chiesa Madre di Francofonte

Francofonte, noto per essere il paese delle arance, offre ai suoi visitatori uno spaccato di storia racchiuso nei suoi monumenti principali. Certamente vale una visita il castello di Chadra, del quale oggi restano parte della struttura e molti ruderi, che per secoli ha avuto la funzione di difendere il borgo dall'attacco dei nemici, i saraceni in particolare. Anche il Palazzo Palagonia, che oggi ospita gli uffici del Comune, è un bell'esempio di architettura civile che risale agli ultimi anni del Settecento, così come la Fontana del Giardinello, che si trova nel centro storico, ed era l'antico lavatoio seicentesco. Francofonte, però, è pure folklore e gastronomia, quindi è imperdibile la presenza dei visitatori alla Sagra del Tarocco, che ovviamente vede come grandi protagoniste le arance di questa tipologia.

Come è possibile arrivare a Francofonte

Chi desidera arrivare a Francofonte, in provincia di Siracusa, per visitare la Chiesa Madre di Sant'Antonio Abate potrà spostarsi in modo semplice con l'auto. La località è raggiungibile da Siracusa attraverso l'E45 e poi la Ss194, mentre per coloro che provengono da Palermo il percorso da seguire è quello dell'autostrada A19 e poi della E932. Infine da Messina si arriva percorrendo l'A18 con uscita a Francofonte.

Il borgo è raggiungibile anche con il treno, pur se il paese non è dotato di una propria stazione ferroviaria. Le più vicine sono quelle di Lentini o di Priolo Melilli dalle quali, poi, si può proseguire per Francofonte con le linee di bus locali messe a disposizione dall'azienda ATS.

  • arte
  • barocco

Recensione

Scrivi una Recensione

Rspondi alla recensione

Aperto
  • Lunedì Open
  • Martedì Open
  • Mercoledì Open
  • Giovedì Open
  • Venerdì Open
  • Saturday Open
  • Sunday Open

Tutte le fasce orarie sono riferite al fuso orario locale

Scopri di più sulla città di

Francofonte

Invia segnalazione

Hai già segnalato questo elemento

This is private and won't be shared with the owner.

Alternative disponibili

 

 / 

Sign in

Invia un messaggio

I miei preferiti

Application Form

Claim Business

Condividi

Sicily Enjoy Ricevi le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.
non consentire
Consenti