Tutti i colori del vino a Menfi

Nel 2023, la città italiana del vino sarà Menfi: tra vitigni e piatti tipici, Menfi vi aspetta in provincia di Agrigento, per deliziarvi con profumi e piatti unici, mentre vi accoglie nel suo centro storico antico, circondato da un paesaggio rilassante, con panorami tutti da scoprire.

Il borgo siciliano strappa il titolo a Trieste, superando comuni toscani e piemontesi, come eccellenza nel panorama vinicolo del nostro Paese e non solo: per tutto il prossimo anno, le migliori proposte enologiche italiane si gusteranno a Menfi.

Menfi, città italiana del vino

Un riconoscimento importante ai viticoltori dell’agrigentino, arriva quest’anno da parte dell’Associazione Angelo Radica, che ha scelto Menfi come città italiana del vino: qui, nel corso del 2023 sarà possibile partecipare anche al Concorso Enologico Internazionale.

Una conferma e allo stesso tempo una scommessa, quella del territorio siciliano e del vino a Menfi, che presenta i suoi vigneti, la sua cultura enologica e la propria capacità produttiva ai visitatori che vorranno raggiungere il borgo, per scoprire tutti i sapori del vino a Menfi; ma anche una grande apertura internazionale verso percorsi sorprendenti come quelli del Libano, della Grecia e della Croazia, che si inseriscono nell’iter mediterraneo con base in Sicilia. Cultura e integrazione a Menfi, hanno reso possibile il raggiungimento di questo grande traguardo.

Vitigni e paesaggi di Menfi

Quando si parla di cultura enologica a Menfi, si possono citare riferimenti specifici: sono oltre 6.000 gli ettari che, tra uliveti e soprattutto vigneti, circondano il borgo con prosperose coltivazioni.

Anche la storia, è testimone della grandissima tradizione vinicola della zona, come ci ricordano già gli autori del VI secolo, citando antichi produttori di vino locali. Greci e Romani, poi, sfruttavano già i vitigni di queste zone, per ottenere il prezioso liquido. Infine, arriviamo al secolo scorso, quando negli anni Novanta la zona di Menfi segna il grande trionfo contemporaneo dei viticoltori locali.

Qui, tra vitigni, stabilimenti produttivi e cantine, è possibile perdersi nei percorsi enogastronomici della zona, per gustare tutti i prodotti che arrivano dalla terra.

Oltre il vino, i piatti tipici a Menfi

Parlando di prodotti enogastronomici e degustazioni, vi ricordiamo che accanto a vini come lo Chardonnay, il Bianco Superiore e il Barbera, a Menfi troverete anche tanti gustosissimi sapori, per accompagnare le vostre migliori degustazioni.

Per un aperitivo, scoprite il semplice, ma classico connubio tra pane e olio locale, aggiungete paté di olive o carciofi, salumi e formaggi; se preferite, potete accompagnare alla degustazione del vino adatto, anche sapori dolci, come quelli della marmellata di mandarini, un classico della tradizione siciliana.

Un ultimo consiglio se visitate Menfi, è poi quello di provare anche i ristoranti locali: i piatti tipici, da queste parti, sono quelli della cucina agrigentina e quindi, provate i busiati al ragù di maiale, i bucatini con i broccoli, la caponata di melanzane o il cosciotto di agnello ripieno. Naturalmente, non manca il pesce, sempre freschissimo.

Cosa vedere a Menfi

E dopo aver degustato i migliori vini locali, assaggiando piatti e prodotti tipici, cosa c’è di meglio che perdersi nella bellezza del centro storico di Menfi? Infatti, il borgo ha una storia molto antica, che inizia nel Medioevo e si consolida nel XVII secolo, lasciando le sue tracce tra le chiese e i palazzi storici del centro.

Organizzando una vacanza a Menfi, potrete dunque scoprire anche attrazioni e monumenti che vi sorprenderanno: si parte da Piazza Vittorio Emanuele, nella parte meridionale del paese. Qui si arriva da via Garibaldi, sia per ammirare la Piazza, che per visitare il Museo Malacologico, dove sono esposti tanti esemplari delle conchiglie locali.

Un’altra attrazione del paese, è costituita dal suo patrimonio spirituale che si può ammirare presso le diverse Chiese del borgo: la Chiesa Madre intitolata a Sant’Antonio di Padova, fu completamente ricostruita dopo un terremoto nel 1968 e si trova in via Giacomo Matteotti, proprio accanto al Museo.

Tra gli altri edifici sacri, vi segnaliamo la settecentesca Chiesa di San Giuseppe e la Chiesa della Madonna della Provvidenza, costruita circa un secolo dopo.

Passeggiando per il centro storico, incontrerete anche costruzioni antiche come Palazzo Pignatelli e la Torre Federiciana, mentre all’ingresso del borgo, sarete accolti dal monumento della Porta del Sole, un’opera moderna con cui Menfi saluta i suoi visitatori.

Raggiungendo la frazione marina di Porto Palo, potrete passeggiare al porto con vista mare, dove troverete la spiaggia Le Solette, un vero e proprio paradiso. Inoltre potrete ammirare la Torre di Porto Palo e visitare la Chiesa di Maria SS. delle Grazie

Come arrivare a Menfi

A Menfi, nel Libero Consorzio Comunale di Agrigento, si arriva facilmente in macchina, dall’uscita per Castelvetrano sull’A29 Palermo-Mazara del Vallo, a circa 15 km dal paese. Anche in treno, arrivare a Menfi non è difficile, scendendo alla Stazione di Castelvetrano e prendendo poi bus o navetta.

Menfi, città italiana del vino 2023 vi aspetta!

© Immagine di Freebird, CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons

Condividi

Lascia un commento

 

 / 

Sign in

Invia un messaggio

I miei preferiti

Sicily Enjoy Ricevi le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.
non consentire
Consenti