Palazzo Trabia a Mussomeli

  • Culturali

Nella provincia di Caltanissetta, nel piccolo paese di Mussomeli, sorge Palazzo Trabia, un edificio che testimonia con la sua bellezza il lignaggio di quelli che erano i suoi proprietari. In origine la residenza non era stata concepita secondo i canoni odierni, infatti agli inizi del 1600, Casa del Baglio, il nome con cui era conosciuto allora Palazzo Trabia, presentava delle linee più semplici. Il pezzo forte dell'edificio era il cortile , di grosse dimensioni, che Don Ottavio II Lanza decise di esaltare ponendo nel centro la fontana di Nettuno .

Intorno al 1650 però Don Giuseppe Lanza pensò che il palazzo non rispecchiasse pienamente la casata, nè tanto meno l'agiatezza dei suoi possidenti, così decise di ricostruire quasi completamente la residenza, utilizzando forme e linee più imponenti. In contemporanea con i lavori di ammodernamento viene anche aperto un cortile antistante, che crea una grande piazza al cui centro spicca la fontana di Nettuno.

Nel 1892 il Circolo Manfredonico ebbe la concessione comunale per l'utilizzo gratuito e senza limiti di tempo dei magazzini, e ad oggi, più di cento anni dopo, il nome è cambiato in Circolo Trabia Emiliani Giudici, ma è ancora lì a organizzare eventi e a raccontare la storia del paese. Nel 1960 inizia la demolizione di una parte di Palazzo Trabia a Mussomeli, nello specifico la sezione dedicata ai servizi e all'amministrazione, lasciando solo il segmento centrale tuttora visibile.

Palazzo Trabia a Mussomeli: architettura e opere d'arte

Palazzo Trabia a Mussomeli è costruito utilizzando pietre intagliate e pietre informi, con diversi elementi decorativi, quali portali, cantoni e mensole. La facciata che si vede su piazza Roma , comprende una lunga balconata che poggia su mensole in pietra e con una griglia di ferro a petto d'oca. Lo scalone era un elemento molto scenografico, e benché abbia perso i fondali originali, contribuisce ancora oggi alla bellezza della piazza, riqualificando l'ambiente urbano.

La parte rimanente di Palazzo Trabia è l'antico settore nobile che comprende il salone e lo scalone. Il salone del primo piano è il centro simbolico dell'edificio, la stanza da cui si sviluppa il resto della casa, con le sue numerose sale, i magazzini e i locali adibiti all'amministrazione dei feudi. È proprio in questo ampio salone che sono raccolte le più importanti opere d'arte dell'edificio, infatti il principe Don Giuseppe adorna la stanza con dipinti di grande valore, come un abbozzo del Correggio, un Bambino di Giulio Romano e altre opere di Rivera e Solimena.

Palazzo Trabia a Mussomeli: cosa vedere nelle vicinanze

Mussomeli offre al visitatore opere artistiche, architettoniche, storiche e anche una buona dose di fascino leggendario. Chi viene a visitare Palazzo Trabia a Mussomeli, apprezzerà sicuramente anche le vie del borgo antico, il sito archeologico di Polizzello e il maniero medievale. Parlando proprio del castello, i più curiosi non potranno fare a meno di dedicargli una visita, in quanto la leggenda racconta che tra le possenti mura ci sia ancora oggi il fantasma di una cavaliere che vaga nei corridoi della rocca senza meta.

Il centro storico riporta chiare testimonianze medievali e vanta strade ed edifici armoniosi e affascinanti. Un itinerario alla scoperta di Mussomeli deve comprendere anche le sue numerose chiese, come la Chiesa Madre dedicata a San Lodovico risalente al 1400 e costruita dai Chiaramonte, oppure il Santuario Maria SS. Dei Miracoli che riporta sulla volta centrale un bellissimo affresco di grandi dimensioni.

I palazzi storici creano il tessuto architettonico del paese e oltre Palazzo Trabia, sono molto belli da vedere anche il Palazzo Minneci in stile barocco, il Palazzo Sgadari e il Palazzo La Rizza. Molte sono le storie e le leggende che animano Mussomeli e la soluzione migliore per conoscerle tutte è farsi accompagnare da una guida della zona, per scoprire ambienti suggestivi e le gesta dei Baroni che amministravano il paese nel Medioevo.

Palazzo Trabia a Mussomeli: come arrivare

Mussomeli si trova su una collina alta 750 metri, di fronte al monte Cammarata, in provincia di Caltanissetta. Nonostante ciò è facilmente raggiungibile da tutta la Sicilia utilizzando sia l'auto che il treno.

Chi arriva in auto da Palermo dovrà percorrere la SS189 in direzione Agrigento, uscire ad Acquaviva Platani e seguire le indicazioni per Mussomeli. Chi parte con l'auto da Agrigento dovrà seguire la SS189 in direzione Palermo, uscire ad Acquaviva Platani e dopo circa 14 km arriverà a Mussomeli. In auto da Caltanissetta il percorso è molto semplice, in quanto basta percorrere la SP23 e seguire le indicazioni per Mussomeli.

Chi preferisce prendere il treno da Palermo dovrà salire sul regionale per Agrigento e scendere alla fermata Acquaviva-Casteltermini. Mentre chi prende il treno da Agrigento dovrà prenotare il regionale per Palermo, ma scendere comunque alla fermata Acquaviva-Casteltermini. Una volta giunti ad Acquaviva, Mussomeli è raggiungibile in 10 minuti utilizzando un taxi oppure usufruendo di un servizio bus molto comodo che collega i due paesini.

© Pequod76, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

 

Recensione

Scrivi una Recensione

Rspondi alla recensione

Piazza Roma, 3, 93014 Mussomeli CL, Italia

Aperto ora
  • Lunedì Aperto
  • Martedì Aperto
  • Mercoledì Aperto
  • Giovedì Aperto
  • Venerdì Aperto
  • Sabato Aperto
  • Domenica Aperto

Tutte le fasce orarie sono riferite al fuso orario locale

Scopri di più sulla città di

Mussomeli

Invia segnalazione

Hai già segnalato questo elemento

This is private and won't be shared with the owner.

Alternative disponibili

Nelle vicinanze

 

 / 

Accedi

Invia un messaggio

I miei preferiti

Application Form

Claim Business

Condividi

Sicily Enjoy Ricevi le notifiche per le ultime notizie e gli aggiornamenti.
non consentire
Consenti