Il Castello di Calatabiano

Prenota il tuo Tour in Sicilia

Scegli tra le migliori esperienze da fare a Catania, Palermo, Messina, Trapani, Agrigento e tante altre città siciliane.

  • Storici

Il Castello di Calatabiano è situato su un'altura che sovrasta l'omonima valle. La costruzione antichissima è circondata da quelle che un tempo erano le mura di fortificazione e può essere raggiunta attraverso una passeggiata in salita per una stradina di ciottoli in pietra che taglia una vegetazione ricca di mandorli, fichi d'india e naturalmente ulivi.

Ecco tutto quello che c'è da sapere e da vedere nel bellissimo castello!

La storia del luogo del Castello di Calatabiano

Da alcuni documenti dell'epoca risulta che in epoche remote il castello si chiamasse Kaalat-bian, un nome arabo che vuol dire "castello di Biano", probabilmente dal nome del proprietario che lo aveva fatto edificare e che lo amministrava, anche se sullo stesso territorio esistevano già delle piccole fortificazioni di origine greca datate intorno al IV- III sec. a.C. Successivamente, in epoca normanna, il castello viene rimaneggiato, come ancora oggi si può notare da alcune parti minori del piano superiore che sono ancora evidenti.

Dopo qualche secolo, il castello passa in mano alla famiglia Pagano e Gualtiero Parisi, conti della provincia di Avellino e successivamente sotto il dominio degli Svevi e Aragonesi, quando tutto il sud dell'Italia entra a far parte dei loro territori.

L'epoca di maggior splendore del Castello di Calatabiano viene però vissuta con l'arrivo dei Cruyllas e dei Palagonia, che non solo si occupano di migliorare l'aspetto difensivo della fortezza, ma lo arricchiscono con pregevoli opere architettoniche e ne fanno un centro militare e pure un cenacolo culturale.

Purtroppo, con il grave terremoto che nel 1693 colpisce l'intera regione, il castello viene abbandonato perché pesantemente lesionato e, poco alla volta, cade totalmente in rovina, fino alla recente ristrutturazione, datata 2009, per opera dell'architetto Daniele Raneri che ha riportato la struttura al suo originario splendore.

L'architettura ed eventuali opere d'arte presenti

Lo stile architettonico del castello è molto eclettico, anche a causa delle numerose dominazioni che lo hanno visto coinvolto.

Di grande interesse è certamente il portale di ingresso che è realizzato a sesto acuto ed è retto da alcuni beccatelli. La particolarità di questo portale, così come di molti altri dettagli all'interno della struttura, è quella di essere costruito con pietra lavica e arenaria, tutti materiali rigorosamente ricavati dal territorio circostante.

Dal portale si accede ad un cortile interno che ha un diametro di circa 8 metri ed è caratterizzato dalla presenza di due cisterne che hanno delle grandi feritoie esterne.

Di grande pregio anche uno dei saloni interni, quello dedicato alle feste di rappresentanza, chiamato Salone Cruyllas: il nome deriva dalla presenza di un arco di pietra bianca proveniente da Taormina che lo divide in due e sulla cui sommità c'è proprio lo stemma della famiglia Cruyllas. Lo stesso stemma è presente anche in quello dell'attuale Comune di
Calatabiano.

Cosa è possibile fare nei dintorni di Calatabiano

Una visita al Castello di Calatabiano è un'ottima occasione per visitare i suoi dintorni che sono altrettanto belli e ricchi di fascino, storia e cultura.

Innanzitutto, il castello si affaccia nella valle di Al qantar, nome arabo che nel corso dei millenni è diventato Valle dell’Alcantara, dove si possono visitare le Gole omonime, un canyon di origine naturale che il fiume Alcantara ha scavato in oltre 3000 anni di storia.

Calatabiano ha pure un centro storico molto grazioso, che custodisce piccoli tesori che sicuramente sono da non perdere, come la chiesa dedicata a Maria Santissima Annunziata, costruita nel 1740, all'interno della quale si può ammirare un crocifisso di legno realizzato nel 1502 dallo scultore Salvo D'Antonio, oppure il pulpito sempre ligneo che è datato 1791.

Infine, impedibili gli affreschi che decorano tutto l'interno, riportano scene della vita di Gesù e sono stati realizzati alla fine dell'800 dagli artisti Ganguzza e Freri. Per chi ama spostarsi anche più lontano, c'è la possibilità di visitare Taormina e Giardini di Naxos che si trovano a breve distanza.

Attività consigliate per un tour alle Gole dell'Alcantara

Come è possibile arrivare a destinazione

Esistono diversi modi per arrivare al Castello di Calatabiano e dedicarsi alla scoperta di questi luoghi incantati. Innanzitutto, si può raggiungere la meta con la propria auto, percorrendo l'autostrada A18 e prendendo l'uscita per Fiumefreddo.

Da lì, poi, è possibile percorrere una qualsiasi delle strade statali che portano a Calatabiano. Ricordiamo che per raggiungere la sommità del castello dalla base della collina sulla quale si erige è necessario effettuare un tratto a piedi in salita.

Per chi preferisce il treno, invece, la stazione di riferimento per le corse regionali è proprio quella di Calatabiano e da lì si può arrivare nelle vicinanze della fortezza con un taxi oppure un autobus. L'aeroporto più vicino, infine, è quello di Fontanarossa che si trova a Catania.

 

Recensione

Scrivi una Recensione

Rspondi alla recensione

Via Alcantara, 142, 95011 Calatabiano CT, Italia

Chiuso
16:00 - 20:00
  • Lunedì Chiuso
  • Martedì Chiuso
  • Mercoledì 16:00 - 20:00
  • Giovedì 16:00 - 20:00
  • Venerdì 16:00 - 20:00
  • Sabato 16:00 - 20:00
  • Domenica 16:00 - 20:00

Tutte le fasce orarie sono riferite al fuso orario locale

Scopri di più sulla città di

Calatabiano

Invia segnalazione

Hai già segnalato questo elemento

This is private and won't be shared with the owner.

Alternative disponibili

Nelle vicinanze

 

 / 

Accedi

Invia un messaggio

I miei preferiti

Application Form

Claim Business

Condividi